Ferruccio Rontini|Vita e opere

Ferruccio Rontini (Firenze, 1893 – Livorno, 1964) studiò all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, divenendone anche docente. Il suo iniziale stile macchiaiolo subirà un’evoluzione soltanto a partire dagli anni quaranta.

La sua pittura è intrisa di naturalismo e cerca soprattutto temi paesaggistici o scene di vita quotidiana. La campagna è il luogo di frequente ambientazione dei suoi quadri, dipinti en plein air in Maremma o nel Mugello. Molto pittoreschi e ricercati i mercati di Vicchio, in cui Rontini mostra uno sguardo ottocentesco su una realtà rudemente proiettata sul vivere giornaliero. Non c’è dubbio che alcune tra le sue opere migliori affondino le radici proprio in questo ambiente e si consumino in un lasso di tempo che va dagli anni venti agli anni trenta, quando l’artista indicava l’anno di composizione con i numeri romani. Al periodo mugellano e maremmano più brillante segue una fase che, pur se valida nel suo insieme, non viene premiata adeguatamente a livello di quotazioni di mercato,[1] come succede un po’ per molti pittori labronici suoi coetanei.

Fu tra i fondatori, nel 1920, del Gruppo Labronico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...